STORIA DI RIZZICONI
I TERREMOTI

 

Video del terremoto e maremoto di Reggio Calabria e Messina, del 28 dic.1908. ore 5e 25.

loprestef@hotmail.com

Il seguente elenco, in via di continuo perfezionamento, vuole essere una cronologia degli eventi tellurici (terremoti) che hanno interessato la Calabria e il territorio di Rizziconi. I dati, che sono stati tratti da libri, enciclopedie e siti web, possono risultare incompleti e in qualche caso poco precisi.

91a.C. Un terremoto colpisce duramente Reggio Calabria.
1169 4 febbraio (Sicilia orientale – Calabria meridionale). Pare che la struttura sismo-genetica sia posta in mare, non lontano dalla costa tra Catania e Siracusa. La profondità ipocentrale stimata per l'evento principale e' di circa 20 Km
1222 Forte terremoto in Calabria. La Cattedrale di Gerace subisce gravissimi danni. Gli Svevi (Sotto Federico II di Svevia). la ricostruiscono. Ne fa fede la Rosa Federiciana nel tempio, lungo la parete della navata destra.
1538 Un terremoto distrugge Nicastro .
1560 (15/12/1560) Tremendo terremoto in Calabria. La contrada “Nacareri” di Catona fu vista sprofondare in mare con le sue case e i suoi abitanti.
1602 10 agosto 1602, Terremoto in Calabria.
1604 Terremoto in Calabria
1609 Terremoto in Calabria 1614.
1614 4 novembre.
1616 2 gennaio 1616 Terremoto nella Piana. Casalnuovo di Cortuladi, dal 1815 Cittanova), veniva distrutta dal terremoto.
1617 Dicembre 1617,
1619 Gennaio 1619,
1620 Terremoto in Calabria.
1621 21 novembre 1621(di una gravità di gran lunga superiore alle volte precedenti).
1624 Il 3 febbraio 1624
1626 Durante la settimana santa la terra tremò ben 25 volte.
1636 Un terremoto distrugge quasi completamento Feroleto Antico, i cui abitanti costruiscono Feroleto Piano (poi Pianopoli).Anche Rogliano subisce gravi danni.
1638 Ore 22 di Sabato delle Palme del 27 di marzo 1638Terremoto in Calabria ( 2000 morti) TERRANOVA- Plasmatelo di pece, - ordinò il capo saraceno riferendosi al Crocefisso - date il fuoco e le fiamme lo salveranno lo bruceranno per sempre! - Così fecero. Una rossa fiamma, come di sangue, illuminò quel luogo, mentre i sacrileghi presi di spavento si diedero a precipitosa fuga per l'improvvisa forte scossa di terremoto.
1659 5 novembre1659. Scrive lo storico catanzarese Vincenzo D'Amato: «Toccava l'hora quinta d'una torbida notte, il di quinto di Novembre, quando il suolo tutto della Provincia (CZ)...........Lo stesso storico riferisce che fu Soriano a subire il maggior danno, “La Chiesa, e il Convento di S. Domenico n'andaro in terra in un fascio, restando tra infranti mucchi le loro magnificenze miserabilmente sepolte”.
1693 11 gennaio ore 21 (60.000 morti) Sicilia orientale - Calabria meridionale. Rappresenta, assieme al terremoto del 1908, l'evento catastrofico di maggiori dimensioni che abbia colpito il territorio italiano in tempi storici. L'evento ha provocato la distruzione totale di oltre 45 centri abitati, interessando con effetti pari o superiori al IX° grado mcs una superficie di circa 5600 km2 e causando circa 60.000 vittime. La sequenza sismica che comprende questo terremoto con effetti davvero devastanti, e' iniziata il giorno 9 gennaio 1693 e si e' protratta per circa 2 anni con un numero elevatissimo di repliche (circa 1500 eventi). L'evento principale (XI° grado mcs) si e' verificato alle ore 9 della sera dell'11 gennaio, dopo che alcune scosse di minore intensità (circa VIII° grado mcs ) si erano gia fatte sentire la sera del giorno 9 e la mattina dello stesso giorno 11. Il numero più elevato di vittime e' stato registrato nella città di Catania, dove sono morti circa i 2/3 della popolazione.
Le caratteristiche dell'evento principale consentono di considerarlo, per molti aspetti, simile al terremoto del 4 febbraio 1169 e suggeriscono che la struttura sismo-genetica sia posta in mare, non lontano dalla costa tra Catania e Siracusa. Una indiretta conferma di questa ipotesi e' fornita dal maremoto associato all'evento sismico che, anche in questo caso come nel 1169, ha colpito la costa ionica della Sicilia. La profondità ipocentrale stimata per l'evento principale e' di circa 20 Km.
1744 Violento terremoto in Calabria.
1783 ( 5-6-7 febbraio, 1 e 28 marzo) Terremoto “il flagello”. (30.000 morti per cause dirette +5.000 per malattie e stenti negli anni successivi). La notte del 5 febbraio1783 (mercoledì delle Ceneri) Un terribile, violento terremoto colpisce la Sicilia e la Calabria meridionale, dal Monte Crocco all'Aspromonte. Distrugge Reggio, Messina, Gerace, Mileto, Briatico vecchio, Polistena, Cittanova (allora Casalnuovo), Oppido Mamertina, Sinopoli, Palmi, Bagnara Calabra, ecc. In un mese e mezzo si verificarono numerose scosse, quattro delle quali di eccezionale violenza:
XI° grado della scala Mercalli il 5 febbraio;
X° grado della scala Mercalli il 7 febbraio;
IX° grado della scala Mercalli il 1° marzo:
X° grado della scala Mercalli il 28 marzo.
Fra le tante perdite causate dal “Flagello, memoranda e lacrimevole fu sopra ogni altra quella della Principessa di Gerace. . Il territorio subì drammatici cambiamenti morfologici e idro-geologici : frane, smottamenti e crolli cambiarono la geografia della regione, il corso dei fiumi e la morfologia delle coste, e nacquero oltre duecento nuovi laghi, alcuni dei quali di notevoli dimensioni.
L’antica città di Seminara venne distrutta quasi completamente. La nuova cittadina venne progettata e costruita più a monte dello stesso crinale aspromontano su pianta del Reggio architetto Vincenzo Ferrarese.
1811 1 agosto 1811 Un terremoto devasta Reggio.
1894

16 novembre 1894 grave terremoto in calabria.

Delianuova e molti paesi della Piana furono danneggiati dal terremoto del 1894

La piazza di Palmi, nel 1896 fu intitolata a Guglielmo II Imperatore di Germania per "uno speciale soccorso" inviato a Palmi dopo il terremoto; piazza che nel 1925 fu intitolata a Gerocarni.
(Ciccio Lovecchio).

 

1904 Terremoto in Calabria: 557 vittime.
1905 Nella notte tra il 7 e l' 8 settembre 1905, la terra tremò ancora disastrando l'intera Calabria, che ebbe distrutti o seriamente danneggiati 326 comuni, 753 centri abitati, di cui 135 in provincia di Catanzaro, 107 in provincia di Cosenza, 84 in provincia di Reggio Calabria.( circa 500 le vittime).
1908 (28 dic.1908. ore 5e 25) Il terremoto e il maremoto distruggono Reggio e Messina e gran parte della Calabria meridionale.
2012

 

oggi 29 agosto - Scossa di terremoto di 4.6 gradi in provincia di Reggio Calabria, Una forte scossa di terremoto pari a quasi 5 gradi della scala Richter (per l'esattezza, è stata di 4.6 gradi) è stata avvertita stanotte alle ore 1 e 12 in provincia di Reggio Calabria, con un epicentro molto vicino alla costa di fronte allo stretto di Messina.

<<<<HOMEPAGE