RIZZICONI E DINTORNI. Reggio Calabria.
Storia, Cultura, Personaggi, Tradizioni.
A cura di Francesco Lopreste
loprestef@hotmail.com

IL POETA Geronimo, NOBILE DECADUTO.

LE MIE PAGINE

MERIDIONE E DINTORNI.

LA MAFIA, UN PRODOTTO CULTURALE.

IL FIDUCIARIO SCOLASTICO.

IL GRANDE BAMBINO

GENEROSITA' RIZZICONESE.

IL POETA, NOBILE DECADUTO.

IL CETO SOCIALE

LE TRAVI A VISTA.OGNI MALE NON VIENE PER NUOCERE

 

IL POETA Geronimo, NOBILE DECADUTO.

Mi ricordo che avevo 16 anni e frequentavo l' Istituto professionale di Taurianova, che era ubicato in un antico palazzo nobiliare in località Jatrinoli.
Il palazzo era vecchio e fatiscente e probabilmente anche pericolante.
Ogni mattina, noi studenti, aspettavamo il suono della campanella per entrare in classe e nel frattempo passavamo il tempo a chiccherare tra
di noi, sull'antistante piazzetta.
Non di rado ci avvicinava un signore sulla settantina, avvolto in un vecchio e logoro cappotto di colore grigio scuro e calzava delle scarpe
grosse, anche esse vecchie e malandate come il cappotto.
Metteva la mano in tasca da cui tirava fuori dei foglietti di carta bianca con sopra scritte delle sue poesie. Il suo intento era quello di venderle a noi studenti per racimolare qualche lira. Io una volta ne comprai una per 5 lire, che riporto qui di seguito:

Titolo: Stella di Sirio.

Oh stella di Sirio,
la vita è delirio
dei sensi; missione
a far cose buone.
Bisogna volere,
volere è potere.
Se insisti e resisti
raggiungi e conquisti
la donna del cuore,
se hai fiamma
d'amore.

Almo ( si firmava così).

Quella mattina non mangiai il panino durante la ricreazione,
ma la poesia me la ricordo ancora.

 

HOME 
Mandami un messaggio, scrivi nel libro degli ospiti