PERSONAGGI RIZZICONESI

POTITO GIORGIO

Testo e immagine, per gentile concessione di Gabriella Giorgio, figlia del poeta.

Sutt’a sta luna


Sutt’a sta luna chi pari d’argentu,
mmenzu’ a ‘sti filici fatti di sita,
‘na vota ti cercai ‘n’ appuntamentu
Pecchì cridiva ch’eri la mè zita.
Ora tutti li siri, quando ‘u jornu
Vaci morendu e ‘a notti si rrisbigghja,
comu ‘na mano, ccà, veni, mi pigghjae,
chjanu, chjanu nta ddù voscu tornu.
Ma tu non nci si cchiù. Restau la sita,
sutt’a ‘ sti grandi rami vellutati,
restau la vuci di ‘na bella zita
e tanti fogghj tutti mpaticati.
Non nci si cchiù, ma ieu t’aspettu. ‘A luna,
sulu ‘a luna se parlu ormai mi sente,
ti pensu, chjamu, ma non vju nente:
sulu ‘nu cuccu ch’aspetta carc’una.
Passau ‘n’atra nottata:
ieu sempre ccà, tu forse maritata

 

POTITO GIORGIO

Potito Giorgio nasce a Rizziconi il 29 giugno 1916.
Giovanissimo si arruola e prende parte alla seconda guerra mondiale.
Catturato in Africa dagli inglesi, viene portato in un campo di lavoro nell’estremo nord della Scozia
Alla fine della guerra rientra in Italia e si stabilisce a Bari dove vive fino alla sua morte, avvenuta il 18 aprile 1988.
Svolge l’attività di investigatore privato dalla fine degli anni ’50 in poi.
In realtà la poesia è la sua vita.
Pubblicista, dirige nel 1957 la rivista letteraria “Graalismo”, fondata assieme al grande poeta armeno Randt Nazariantz.
Consegue svariati premi tra i quali, come già accennato in altra circostanza,
il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 1962,
il Premio di Poesia “Valnerina” a Terni nel 1977,
il Premio Nazionale di Poesia “Galatina” nel 1978,
il IV Concorso di Poesia “Zagara di Rosarno” nel 1983,
il Premio “Rhegium Julii” a Reggio Calabria nel 1974 e nel 1980 (terzo e secondo classificato).
Fra le sue pubblicazioni, le seguenti raccolte di poesie:
Le Pleiadi e Quattro Canti Calabresi:
Ora ricomincio;
Canti dell’Aspromonte;
Ultimo Approdo;
Cara Amica;
Le Quattro Rose;
Nell’Infinito Cielo.

Riposa nel Cimitero di Rizziconi.

 

ORA RICOMINCIO

Ora ricomincio a tessere le trame del tempo
Ricucio i miei pensieri sfuggiti
Alla penna distratta,
torno a rituffarmi nel nulla.
Tu sola attenderai
I versi che non ho più scritto,
vivrai come sospesa ad un filo
il giorno più lungo
con la paura di sapermi già morto.
Se sarà il vuoto a prendermi
Al vuoto confiderò l’ultima rima,
se sarà il sole,
il mio ultimo verso sarà fatto di luce.

 

 

OGGI IO TI PORTO *

Oggi io ti porto
un cielo di promesse,
un prato ondeggiante di silenzio,
la fiamma d’una lacrima.

Oggi io ti porto il senso dell’infinito,
il chiarore d’un’alba,
il fuoco di tutti i tramonti.

Oggi io ti porto
L’amore
E la luce di mille stelle.
Da “Cara Amica” – ed. 1978

*Il titolo è l’anagramma del nome del poeta


SE POTISSI

Se potissi ‘na sira riposari,
mi fermaria, beatu
mmenzu a chist’erva, sutt’a sti livari,
sulu, dimenticatu.

Dintr’a stu campusantu senza vuci
Vorrìa chisti quattr’ossa
Chi fussaru lassati, senza cruci,
senza nome, né fossa.

Vicinu ccà, a me patri, ch’avi tantu
Chi mi lassau, vorrìa;
restari sempri ‘nta stu campusantu,
sutt’a sta terra mia.

da “Canti Calabresi” – ed. 1971